Visitate anche il nostro sito istituzionale: www.radiostudiocentro.it

domenica 23 febbraio 2014

L’importanza, i benefici e le modalità dell'attività fisica


Il 25 febbraio 2014 alle ore 16,30 presso il Teatrino Scolastico, sito in Piazza Garfield e Lodi a Marineo, nuovo appuntamento con “INSIEME PER CAPIRCI QUALCOSA” il ciclo di Conferenze sui problemi giovanili, organizzate da Radio Studio Centro – Consorzio Radiofonico Siciliano.
Il tema che si affronterà in questo quarto incontro sarà “L’importanza, i benefici e le modalità dell'attività fisica (Un aiuto sull’educazione al movimento e la promozione dell’attività fisica nei giovani, a partire dalla scuola)...
I pediatri continuano a ripetere che i ragazzi di oggi sempre più spesso rinunciano allo sport e preferiscono il divano. Recenti studi condotti dal Ministero della Salute hanno mostrato che i ragazzi italiani fanno vita sedentaria, non svolgono un regolare esercizio fisico e si muovono molto poco durante l'arco della giornata. Trascorrono troppo tempo tra le mura domestiche, a guardare la TV, a giocare col PC o impegnati davanti a Tablet e Smartphone, e troppo poco all'aria aperta; inoltre, spesso i loro pomeriggi li trascorrono con i genitori all'interno dei centri commerciali.
Questa è la preoccupante fotografia degli stili di vita dei nostri ragazzi.
I rischi e  le conseguenze dell'eccessiva sedentarietà sono elevati in termini di serie patologie croniche, obesità e diabete, che possono insorgere in età adulta.
Di fronte all'emergenza della sedentarietà e del sovrappeso fra i ragazzi, ciò che conta è farli muovere, non importa in che modo; bisogna valorizzare l'attività fisica in tutte le sue varietà, sia quella organizzata (palestra, nuoto, etc.) che spontanea (camminate, corsa in bici, giochi all'aperto, etc).
Ma il ruolo centrale spetta alla scuola dove lo sport dovrebbe essere incentivato. Perché mentre in Francia il 15% dell'orario scolastico è dedicato allo sport, in Italia questa percentuale scende al 7%.
Per cambiare le cose oggi bisognerebbe lavorare a riforme che riguardino l'educazione fisica nelle scuole con interventi di vario tipo, volti ad aumentare l'orario minimo, diversificare l'offerta, promuovere la formazione di coloro che la insegnano.
L'attività fisica migliora la qualità della vita e aumenta il benessere psico-fisico e per tale motivo deve essere percepita nella nostra società come un investimento per la salute delle generazioni future.
All'incontro del 25 febbraio che tratterà tutti questi temi interverranno la Prof. Giusy Inguì, insegnante di educazione fisica e di ginnastica rieducativa; il Prof. Giovanni Di Salvo, istruttore sportivo e tecnico Volley; l’Insegnante Emma Di Fiore, istruttrice Zumba-Fitness; il Dott. Carlo Greco, pediatra e la Dott.ssa Francesca Salerno, Assistente Sociale e Assessore alle politiche sociali del Comune di Marineo. Modererà l’incontro Maria Antonina Rubino della redazione giornalistica di Radio Studio Centro - Consorzio Radiofonico Siciliano.
Si ricorda infine che la registrazione della conferenza si potrà ascoltare domenica prossima dalle ore 10,00 in poi, nel corso del programma “Domenica Cultura” in onda sulle frequenze dell’emittente; oppure in podcast, dal sito ufficiale dell’emittente www.radiostudiocentro.it. Altre notizie come sempre si possono trovare sul Blog http://radiostudiocentro.blogspot.com
(S. R.)


giovedì 13 febbraio 2014

Giornata Mondiale della Radio 2014 …per celebrare le donne in Radio!

Il World Radio Day, indetto per oggi giovedì 13 febbraio 2014 viene dedicato alla parità di genere. Infatti l'UNESCO, in questa celebrazione della giornata mondiale dedicata alla radio, intende promuovere la parità di genere e l'empowerment delle donne, nonché il processo di crescita basato sull'incremento della stima di sé e dell'autodeterminazione, per far emergere risorse latenti e portare l'individuo ad appropriarsi consapevolmente del suo potenziale, per il raggiungimento di risultati superiori alle proprie aspettative. Seguendo questo obiettivo, si sta cercando di incoraggiare le stazioni radio e le organizzazioni nazionali a lavorare per alleviare le differenze di genere, e a sviluppare programmi radiofonici particolarmente incentrati su temi femminili, per promuovere la sicurezza delle donne giornaliste.
Organizzato dall’UNESCO – Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura - la prima volta nel  2012, la Giornata Mondiale della Radio è stata concepita sia come una “festa" per celebrare le trasmissioni radiofoniche, ma soprattutto per migliorare la cooperazione internazionale tra le emittenti radiofoniche. Incoraggiare i governi a creare e fornire l'accesso a informazioni attraverso la radio, e aumentando la libertà di espressione e la parità di genere.
Anche se nell'era digitale la nuova radio si sta evolvendo, questa resta e resterà sempre il mezzo che permette di raggiungere il pubblico più vasto a livello mondiale!
In occasione del World Radio Day, ogni anno l'UNESCO cerca di sensibilizzare le stazioni radio di tutto il mondo a partecipare alle celebrazioni in qualsiasi modo...
Noi oggi lo stiamo facendo attraverso questo articolo pubblicato sul nostro Blog; ma non c’è occasione che ci lasciamo sfuggire per sostenere e, perché no, anche festeggiare le nostre donne in Radio e quanti le sostengono e le ammirano! 
Salvo Rallo