Visitate anche il nostro sito istituzionale: www.radiostudiocentro.it

giovedì 13 febbraio 2014

Giornata Mondiale della Radio 2014 …per celebrare le donne in Radio!

Il World Radio Day, indetto per oggi giovedì 13 febbraio 2014 viene dedicato alla parità di genere. Infatti l'UNESCO, in questa celebrazione della giornata mondiale dedicata alla radio, intende promuovere la parità di genere e l'empowerment delle donne, nonché il processo di crescita basato sull'incremento della stima di sé e dell'autodeterminazione, per far emergere risorse latenti e portare l'individuo ad appropriarsi consapevolmente del suo potenziale, per il raggiungimento di risultati superiori alle proprie aspettative. Seguendo questo obiettivo, si sta cercando di incoraggiare le stazioni radio e le organizzazioni nazionali a lavorare per alleviare le differenze di genere, e a sviluppare programmi radiofonici particolarmente incentrati su temi femminili, per promuovere la sicurezza delle donne giornaliste.
Organizzato dall’UNESCO – Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura - la prima volta nel  2012, la Giornata Mondiale della Radio è stata concepita sia come una “festa" per celebrare le trasmissioni radiofoniche, ma soprattutto per migliorare la cooperazione internazionale tra le emittenti radiofoniche. Incoraggiare i governi a creare e fornire l'accesso a informazioni attraverso la radio, e aumentando la libertà di espressione e la parità di genere.
Anche se nell'era digitale la nuova radio si sta evolvendo, questa resta e resterà sempre il mezzo che permette di raggiungere il pubblico più vasto a livello mondiale!
In occasione del World Radio Day, ogni anno l'UNESCO cerca di sensibilizzare le stazioni radio di tutto il mondo a partecipare alle celebrazioni in qualsiasi modo...
Noi oggi lo stiamo facendo attraverso questo articolo pubblicato sul nostro Blog; ma non c’è occasione che ci lasciamo sfuggire per sostenere e, perché no, anche festeggiare le nostre donne in Radio e quanti le sostengono e le ammirano! 
Salvo Rallo

Nessun commento: